RECENSIONE – Xiaomi (Huami) AmazFit: un capolavoro per tutti gli sportivi

L’errore comune in cui ci si imbatte quando si parla dello Xiaomi (Huami) AmazFit è quello di pensarlo come uno smartwatch quando in realtà a mio avviso il termine adatto a questo device è sportwatch con funzioni da smarwatch. Ma approfondiamo meglio la conoscenza dell’AmazFit attraverso la nostra recensione completa facendo una doverosa premessa, ossia che questo device ha talmente tanto da raccontare che neanche il database di Wikipedia basterebbe. Perciò date uno sguardo alla nostra video recensione e leggete l’articolo per gli aspetti più tecnici.

CONFEZIONE

L’AmazFit è contenuto all’interno di una confezione di vendita piuttosto semplice ma al tempo stesso elegante dove all’interno troviamo oltre al dispositivo due scomparti contenenti il cavo di ricarica USB con attacco micro USB, una manualetto in lingua cinese utile però per la scansione del QR Code per effettuare il download dell’app proprietaria e la basetta per la ricarica che va ad incastro sulla cassa dell’orologio e che risulta molto salda. La basetta inoltre servirà anche per il collegamento al PC dell’Amazfit per effettuare operazioni come la traduzione del firmware, installare nuove watchfaces oppure applicazioni di terze parti.

DESIGN

Partendo dal cinturino che nella versione da noi in test è di colore rosso con un contrasto in colorazione nera nella parte che poggia al polso, risulta realizzato in gomma che fa risultare l’indossabilità del device molto comoda. Difatti l’AmazFit ha un peso contenuto di solo 53 grammi e per quanto io sia restio ad indossare orologi di vario genere, durante le operazioni quotidiane mi sono perfino dimenticato di averlo indossato. Ulteriore pregio è il fatto che la gomma risulta liscia il che evita eventuali impigliamenti con gli indumenti.

Il cinturino inoltre è dotato di attacco e sgancio rapido ed essendo della comune dimensione di 22mm permette di essere sostituito con un qualsiasi altro cinturino presente in commercio in modo da personalizzare il proprio sportwatch. La cassa è realizzata in ceramica così come lo sono gli attacchi per il cinturino nonchè l’unico tasto fisico del dispositvo che serve oltre all’accensione/spegnimento dello stesso anche all’attivazione del display e quindi la possibilità di interagire con l’Amazfit.

La retroilluminazione è comunque attivabile effettuando una rotazione del polso che però in questo caso non ci permette l’accesso diretto all’AmazFit, ma si deve ricorrere allo sblocco del display con un doppio tap sullo schermo oppure attraverso la pressione del pulsante fisico. Sul lato sinistro invece troviamo il microfono di cui però non ho capito la funzione poichè attraverso di esso non si può rispondere alle chiamate oppure impartire comandi vocali e nemmeno rispondere alle notifiche delle applicazioni. La parte posteriore porta con sè oltre ai connettori per la ricarica anche il sensore per la rilevazione della frequenza cardiaca.

HARDWARE

Lo Xiaomi (Huami) AmazFit integra un processore dual core da 1.2 GHz coadiuvato da 512 MB di RAM e 4 GB di memoria interna che offrono la possibilità di archiviare della musica, ma anche delle foto, nonchè di caricare le watchfaces. La batteria seppur da 280 mAh riesce a garantire quasi 4 giorni pieni di utilizzo grazie anche al display LCD da 1.37 pollici con risoluzione 320 x 300 pixel.

Inoltre è presente la connettività Bluetooth 4.0 per l’accoppiamento a smartphone e cuffie bluetooth, modulo WiFi e soprattutto il GPS integrato che regala accuratezza nelle rilevazioni delle attività sportive. Lo sportwatch AmazFit  non è pensato per sport d’acqua o comunque attività in cui sia prevista l’immersione totale del dispositivo, seppur è presente la certificazione standard IP67 che lo rende resistente all’acqua.

DISPLAY

Lo schermo presente sull’Amazfit è un’unità da 1.34 pollici con risoluzione 320×300 pixel. No non è un errore di digitazione in quanto i 20 pixel “mancanti” sono dedicati al sensore ambientale. Ora viene a mio avviso il bello, in quanto il display è di tipo transflettivo, ovvero si illumina oltre che alla retroilluminazione anche grazie alla luce ambientale, e più luce riceve migliore sarà la visibilità che risulta pertanto perfetta sotto la luce diretta del sole.

Qualcuno potrebbe storcere il naso pensando che in ambienti chiusi o con poca la luce tutto ciò non sia il massimo, ma ripeto l’AmazFit è uno sportwatch e quindi da associare all’attività sportiva che in genere viene effettua all’aperto. Ma ad ogni modo garantisco che anche in condizioni di scarsa luminosità non ho mai avuto alcun problema di leggibilità del display.

SOFTWARE

Il sistema operativo utilizzato da AmazFit non è Android Wear ma una versione di Android altamente personalizzata. Alla prima accensione del dispositivo tutto sarà in lingua cinese ed il firmware a bordo sarà il 0.9.5, cosiddetto firmware madre. Noi abbiamo poi aggiornato all’ultimo firmware disponibile che risulta essere il 1.2.11c e successivamente lo abbiamo tradotto in italiano per un’esperienza d’uso appagante.

Detto questo dalla schermata principale in cui troviamo le info principali quali orario, passi effettuati, obiettivo etc.. scorrendo verso sinistra troviamo il menù per registrare le attività fisiche quali corsa, camminata,tapis roulant,bicicletta,cyclette, corsa trail ed ellittica. Inoltre possiamo rivedere tutte le nostre attività registrate e regolare alcune impostazioni come eventuali alert quando il battito cardiaco supera una certa soglia di bpm.

Scorrendo dal basso verso l’alto invece accediamo alle notifiche che possiamo scegliere di ricevere o meno in base alla singola applicazione e che ci vengono segnalate tramite una buona vibrazione. Non possiamo rispondere a tali ma onestamente quanti lo fanno dal proprio smartwatch? Anche le chiamate ci vengono notificate tramite una vibrazione decidendo se rifiutarle oppure silenziare la notifica. Personalmente ho apprezzato il fatto che nel dispositivo sia presente solo la vibrazione e nessuna suoneria che dovrebbe essere distinta dall’inquinamento acustico a cui tutti i giorni siamo sottoposti.


Scorrendo dall’alto verso il basso accediamo ad alcuni toggle rapidi dai quali possiamo impostare la modalità aereo, settare la funzione non disturbare, impostare la luminosità su automatica, sempre attiva oppure spenta, sbirciare al volo il meteo ed infine accedere alle impostazioni dell’AmazFit.

Attraverso il menù Imposatazioni potremmo settare il WiFi oppure la connessione Bluetooth, impostare il grado di vibrazione da debole, media ad intensa, impostare lo sblocco del display con doppio tap. Ma soprattutto attraverso questo menù potremmo effettuare gli aggiornamenti OTA (non possibili se avete effettuato la traduzione in italiano, per cui dovrete tornare alla lingua cinese), resettare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica, e per i più smanettoni attivare il launcher che vi permetterà di installare applicazioni di terze parti, degli APK compilati secondo l’OS dell’Amazfit.

Sempre dalla schermata iniziale effettuando uno swipe verso destra accederemo alle “applicazioni” quali il monitor dei passi, e la misurazione della frequenza cardiaca che è risultata sempre affidabile. La stessa può essere attivata a piacimento oppure tenerla sempre accesa anche se ciò inciderà altamente sulla durata della batteria, ad ogni modo durante un’attività sportiva la misurazione del battito cardiaco è continua.

Troviamo anche l’applicazione musica che ci permetterà attraverso delle cuffie bluetooth procedere ad un allenamento ascoltando il nostro musicista preferito, inoltre troviamo la possibilità di settare una o più sveglie da ripetersi una volta o più volte nei giorni, il meteo,la bussola, il cronometro, il monitor del sonno, il training d’allenamento che come il nome suggerisce ci consiglierà sulle fasi da svolgere durante un allenamento, ed infine il launcher per i più smanettoni in cui troveremo le applicazioni di terze parti installate tramite PC.

Questa era solo la parte software relativa all’AmazFit che lavora in combinata con l’applicazione omonima la quale ci permetterà di sincronizzare i dati con il nostro smartphone, nonchè impostare le applicazioni da cui ricevere le notifiche, impostare la località per il meteo etc.. La sincronizzazione dei dati ci permetterà quindi di importare i dati monitorati del sonno nonchè delle attività fisiche sull’applicazione più famosa MiFit oppure Midong che personalmente non ho installato. Va inoltre precisato che ogni giorno si susseguono migliorie e novità sotto questo punto di vista grazie anche alla community che trovate su Facebook, pertanto non è da escludere la compatibilità con applicazioni come GoogleFit oppure Runtastic in tempi brevi.

Molti utenti sono riusciti anche con la versione cinese ad importare i dati su Strava, un social sportivo, cosa però non fattibile sul firmware 1.2.11c ed a mio avviso non ne ho sentito la mancanza visto che le uniche attività importabili sono la corsa e la bicicletta. Di contro con MiFit non sono riuscito a vedere il percorso su mappa ma tutto sommati i dati importati sono più che soddisfacenti. Ma anche in questo caso gli sviluppi stanno portando sempre più novità, infatti alcuni utenti riescono a visualizzare anche il percorso di una camminata/corsa/bicicletta direttamente su mappa Google direttamente nell’applicazione MiFit.

BATTERIA

La batteria da 280 mAh garantisce una buona autonomia e fa si che l’AmazFit non debba essere caricato ogni sera, infatti con un utilizzo medio-intenso con notifiche attive tutto il giorno ad eccezione della notte sono riuscito a spingere il device a circa 4 giorni pieni con un’autonomia residua ancora del 15%.

PREZZO

Lo Xiaomi AmazFit è disponibile su Gearbest.com a poco più di di 100 euro allo stato attuale in cui scriviamo la recensione ma le offerte si susseguono di giorno in giorno ed è facile trovarlo anche a prezzi di poco inferiori i 100 euro. Ad ogni modo il prezzo è decisamente allettante sia per il comparto hardware che per le funzionalità offerte.

CONCLUSIONI

E’ vero, non è presente la camera, nemmeno lo speaker e per parlare o sentire musica dobbiamo dotarci di cuffie bluetooth. Ma come ho detto all’inizio l’AmazFit è uno sportwatch che offre un hardware di tutto rispetto, un display ottimo ed una batteria a dir poco strepitosa. Ma soprattutto la community, anche italiana, che si cela dietro questo dispositivo porta ogni giorno nuove interessanti funzioni ed ampliamenti che rendono unico ed inimitabile questo prodotto. Il software è in costante evoluzione e gli aggiornamenti sono costanti e puntuali. Io mi sono innamorato dell’AmazFit e penso che questo che indosso al polso lo terrò per me.

9.2 Punteggio totale
Xiaomi (Huami) Amazfit

Il device di Xiaomi pensato per gli sportivi è indubbiamente elegante ed al tempo stesso un concentrato di tecnologia. Purtroppo se non siamo utenti smanettoni potremmo incontrare delle difficoltà per utilizzarlo, anche se la community a supporto è davvero un plus. L'AmazFit mi ha entusiasmato per la sua apparente semplicità che in realtà nasconde il necessario e non il superfluo per fare dello sport un'attività smart.

CONFEZIONE
8.9
DESIGN
9.5
HARDWARE
9.1
DISPLAY
9.4
SOFTWARE
8.5
BATTERIA
9.6
PREZZO
9.4
PROS
  • Indossabilità
  • Durata della batteria
  • Supporto della community
  • Display
  • Materiali
  • Affidabilità nella misurazione dei passi e dei battiti cardiaci
CONS
  • Il primo utilizzo può risultare difficile per neofiti
  • Applicazioni per sincronizzazioni dati ancora acerbe
Add your review  |  Read reviews and comments
Telegram Logo T'interessano le offerte? Segui il nostro Canale Telegram! Tantissimi codici sconto, offerte, alcune esclusive del gruppo, su telefoni, tablet gadget e tecnologia.

4
Commenta

avatar
4 Argomenti
0 Risposte agli argomenti
1 Followers
 
Commento con più reazioni
Il commento più attivo
4 Commento dell'autore
gianni groppelliiJollaNeehonvincenzo francesco Commenti recenti dell'autore
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
vincenzo francesco
Ospite
vincenzo francesco

Ottima recensione! Ho l’AmazFit da 3 giorni circa e mi ritrovo in ogni parola della recensione.
Spero davvero che possano affinare presto le companion app perché son davvero l’unico limite di questo splendido dispositivo.
Da questo punto di vista, il Gear Fit 2 che pure posseggo, è senz’altro molto più avanti visto la bontà di S Health.

Neehon
Ospite
Neehon

E’ un prodotto ottimo ma la cosa curiosa è che anche un orologio da 5€ ha almeno un beep per la sveglia o il cronometro. Capisco che ha la vibrazione e non è invasivo, ma non che costasse molto mettere un buzzer.

iJolla
Ospite
iJolla

È possibile importare i dati in Runtastic?

gianni groppelli
Ospite
gianni groppelli

Purtroppo io non riesco a sincronizzarlo con il mio xiaomi redmi note 5, mi è stato detto che non sono compatibili !!! chi puo’ aiutarmi?

Nerd, Geek, Netizen, termini che non mi appartengono. Semplicemente me stesso, amante della tecnologia e provocatorio come Xiaomi fa con i suoi prodotti. Alta qualità a prezzi onesti, una vera provocazione per gli altri brand più blasonati.

XiaomiToday.it - La community italiana n.1 per i prodotti Xiaomi
Confronta prodotti
  • Total (0)
Confronta
0

Like us!