Le mosse di Xiaomi per espandersi nel resto del mondo

Telegram LogoT'interessano le OFFERTE? Fatti furbo e iscriviti al nostro canale Telegram! Tantissimi codici sconto, offerte, errori di prezzo sulla tecnologia da Amazon ed i migliori store online.

Non appena arrivato, Hugo Barra ha fatto subito sapere che le strategie di Xiaomi includono nel prossimo futuro l’espansione della società oltre i confini Cinesi.

Un primo passo è stato fatto verso Taiwan ed Hong Kong, organizzando la vendita diretta tramite il sito ufficiale Taiwanese stabilendo poi un centro di distribuzione locale. E’ stato anche organizzato un grande evento a cui sono stati invitati gli utenti. Il prossimo passo, dice Barra, sarà quello di testare il mercato del sud-est asiatico proponendo lo stesso modello, anche se nessuna scadenza è stata per ora ufficializzata.

Ovviamente, la nutrita diffusione delle lingua cinese in quei paesi ha agevolato molto l’immediato successo che i prodotti Xiaomi hanno avuto, soprattutto perché di fatto attualmente i terminali escono di fabbrica solo con la lingua inglese e cinese disponibile.

Come però sapete benissimo, la comunità MIUI è molto estesa e diffusa in 21 paesi al di fuori della Cina. Una comunità che ha contribuito in maniera decisiva alla diffusione del brand soprattutto realizzando le traduzioni necessarie all’uso dei terminali nel proprio paese.

E’ proprio su questo nutrito gruppo di fan (500 milioni di utenti nei forum internazionali) che Hugo Barra conta di partire per espandere il mercato. Difatti la MIUI, il launcher personalizzato dalla Xiaomi, con i suoi aggiornamenti settimanali gratuiti ha raccolto un successo inimmaginabile creando inoltre un modello di sviluppo davvero unico raccogliendo non solo le segnalazioni di bugs ma anche suggerimenti su nuove funzioni.

Secondo l’analista Brian Wang della società di Analisi Forrester, l’espansione nel mercato occidentale passerà necessariamente nel mantenimento di prezzi da low-cost su terminali si fascia alta. Sarà probabilmente necessario un sforzo maggiore poiché i costi (di distribuzione, ndr) saranno più alti e la Xiaomi sarà costretta a diminuire i propri margini di guadagno.

Lo stesso Hugo Barra ammette che sarà un’operazione complessa ma crede che l’attuale modello sia vincente e può essere riproposto anche oltre-oceano.

[alert-note] Se ne deduce che passerà ancora un pò di tempo prima di vedere i terminali Xiaomi nei negozi Italiani e/o Europei[/alert-note]

Via | The Wall Street Journal

Simone Rodriguez

Blogger, ma soprattutto appassionato di tecnologia. Faccio parte di una generazione che è passata dal tubo catodico agli smartphone, rendendomi testimone di un'evoluzione tecnologica senza precedenti. Dal 2012 seguo assiduamente il marchio Xiaomi che con il convogliarsi di vari progetti mi ha portato a realizzare XiaomiToday.it, la casa di tutti gli Xiaomisti Italiani. Scrivimi: s.rodriguez@xiaomitoday.it

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più votati
più nuovi più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Anna69
Anna69
7 anni fa

Mi sa proprio che ci fanno aspettare a lungo ho letto da qualche parte che uscirà a aprile la mia domanda è un altra :vorrei sapere se ci sono più persone che volevano il mi3 64gb o più persone erano interessati al 16gb?

Anna69
Anna69
7 anni fa
Reply to  pukos

Avevo pensato anch’io a questo però quando ho preso il nexus 5 che più meno uguale la maggioranza ha voluto il 16gb allora ero curiosa

XiaomiToday.it - La community italiana per i prodotti Xiaomi
Logo