fbpx

Xiaomi pensa ad un robot dotato di AI che risponde ai comandi vocali

Ogni giorno sentiamo parlare di brevetti o prodotti Xiaomi che ci fanno sorridere poiché simpatici o davvero strambi. Ma quello che andiamo a proporvi oggi ha dell’incredibile e del fantascientifico. Avete letto bene nel titolo: parleremo proprio di un robot in stile Birillo di Super 3 o in stile Dalek per chi preferisce un sottofondo alla Doctor Who. Ma a prescindere da queste cose fantasiose, Xiaomi ha in mente di produrre, in un certo momento, un robot in grado di parlare con noi e rispondere ai comandi vocali grazie all’uso dell’intelligenza artificiale.

Un brevetto mostra l’intenzione di Xiaomi di produrre un robot in grado di ubbidire ai nostri comandi tramite input vocale

Il brevetto di cui stiamo parlando proviene dal database incoPat dove sono appunto depositati alcuni brevetti provenienti dalla Cina. Vediamo le immagini per capire meglio di cosa si tratta.

xiaomi robot intelligenza artificiale

Questo dispositivo che potremmo definire banalmente Xiaomi Robot, è un ibrido tra un Roborock e un cestino della spazzatura. Ironia a parte, la forma ipotizzata dal brand è quella che vedete nella fotografia in alto. In copertina invece trovate un dettaglio di come è fatto nella parte inferiore. Partiamo proprio da qui: vediamo sulla destra una coppia di rotelline attaccate ad un supporto rotante mentre sulla sinistra due ruote più massiccie ma fissate a metà dentro la scocca. Le prime sono chiaramente quelle che permettono al robot di muoversi in più direzioni mentre le seconde sono le motrici. Nella figura sopra c’è una sorta di vignetta in cui una voce (sinistra) comanda al robot di “dire al padre che è pronto da mangiare“; Xiaomi Robot risponde in maniera affermativa.

Possiamo dunque intuire che il dispositivo smart sia dotato di un’intelligenza artificiale molto molto avanzata. Siamo sicuri che si tratti di XiaoAI e vi spieghiamo perché.

xiaomi robot intelligenza artificiale

In questa immagine vediamo la sagoma dell’uomo chiamare proprio l’assistente vocale di Xiaomi (小爱同学 Xiaoai tongxue) e dunque non c’è alcun dubbio che si tratti dell’Alexa cinese. Successivamente alla chiamata il robot risponde con “Sto arrivando“: questo ci fa capire come questo tipo di AI sia in uno stadio avanzato; ciò significa che un prodotto del genere difficilmente nascerà in tempi brevi. Sappiamo come la robotica si stia evolvendo a velocità sostenuta ma, come vediamo anche per la tecnologia della ricarica wireless, non tutti i brand di telefonia possono accedere alle stesse tecnologie nello stesso tempo.

Che ve ne pare di questo progetto? Secondo voi vedrà la luce?

Telegram LogoT'interessano le OFFERTE? Segui il nostro Canale TELEGRAM! Tantissimi codici sconto, offerte, alcune esclusive del gruppo, su telefoni, tablet gadget e tecnologia.

0 0 vote
Article Rating

Sono uno studente di lingue, specializzato in cinese. Ciò che mi ha avvicinato a Xiaomi è l'aver scoperto che al mondo esistono alternative valide con un buon compromesso qualità-prezzo. Credo che la consapevolezza che non esiste la perfezione nel mondo degli smartphones deve essere messa prima di tutto, onde evitare inutili e sterili polemiche circa la supremazia di uno o l'altro brand. Mail: [email protected]

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
XiaomiToday.it - La community italiana n.1 per i prodotti Xiaomi
Confronta prodotti
  • Total (0)
Confronta
0