T'interessano le OFFERTE? Risparmia con i nostri coupon su WHATSAPP o TELEGRAM!

Xiaomi REDMI A1 – Lo smartphone più economico del brand. Te lo porti a casa con soli 70€

Trovare uno smartphone sotto i 100 euro che valga la pena dell’acquisto è sempre una sfida che mi stimola moltissimo, soprattutto oggi dove gli aumenti di listino hanno investito tutti i brand ma se con Xiaomi/Redmi una volta anche questa sfida era abbastanza facile, nel panorama tecnologico odierno la sfida si fa davvero impegnativa. Premetto che occorre valutare in generale un qualsiasi dispositivo in base all’utenza cui si rivolge, perchè ad esempio sarebbe stupido giudicare un’opera lirica, noiosa, se siamo amanti del metal oppure giudicare un libro d’avventure per ragazzi se siamo amanti dei thriller psicologici. Detto ciò è giunto il momento di provare il modello super entry level Redmi A1.

In offerta su Amazon

Ultimo aggiornamento il 19 Maggio 2024 1:47

UNBOXING

Come ogni recensione che si rispetti, non posso non includere il contenuto della confezione di vendita che prevede la seguente dotazione:

  • Redmi A1;
  • Alimentatore con output 5V / 2A e presa europea;
  • Guida rapida;
  • Cavo per ricarica e trasferimento dato micro USB;
  • Spillo per la rimozione del vassoio SIM;

Assenti quindi cover di protezione, auricolari (ma chi le inserisce ancora in confezione?) e pellicola di protezione pre-applicata al display.

HARDWARE E PRESTAZIONI

Cominciamo subito col dire che Redmi A1 non vuole stupire con specifiche di alto livello né tantomeno con design super futuristico ma piuttosto il target a cui si rivolge è quella fetta di utenza che ricerca in un device affidabilità, ottima autonomia e semplicità d’utilizzo a livello quotidiano.

E’ giusto quindi partire con questa recensione nel parlarvi di hardware, che nel caso di Redmi A1 si compone di un processore MediaTek Helio A22, soluzione a 12nm quadcore a 2.0 GHz Cortex A53 accompagnato da una GPU PowerVR GE8300 a 660 MHz. Nulla di eccezionale, seppur tutte le operazioni a livello quotidiano vengono svolte senza particolari problemi a patto di attese nell’apertura o nel ricaricamento delle app. Si riesce anche ad effettuare del “gaming”, certo non con titoli particolarmente esosi di memoria e potenza, ma ad esempio con Asphalt 8 ci si può regalare qualche partita emozionante, sfrecciando sui bolidi proposti nel gioco, con una certa fluidità tralasciando i dettagli grafici al massimo.

Non possiamo pretendere molto anche per via del taglio della RAM e della memoria integrata, infatti troviamo a bordo di Redmi A1 solamente 2 GB di RAM di tipo LPDDR4X, che non riescono a sostenere il carico delle applicazioni in background, generando spesso i vari ricaricamenti delle stesse ma anche impuntamenti del sistema e lag non indifferenti. A livello software abbiamo a disposizione l’estensione della RAM in modo virtuale di ulteriori 2 GB, ma in realtà sconsiglio di applicare tale funzione, poichè non migliora le prestazioni ma le peggiora, forse perchè attinge ai soli 32 GB di tipo eMMC 5.1 che possono essere espansi tramite micro SD con supporto fino a 1 TB senza rinunciare alla funzionalità del Dual SIM Dual Standby.

DESIGN E COSTRUZIONE

Ma veniamo alle cose interessanti di questo device, che potrebbe rivelarsi il giusto acquisto da fare, magari regalandolo a vostro nonno o perché no come buon muletto da utilizzare per le vacanze o per lavoro. Innanzitutto Redmi A1 è piacevolmente sorprendente da maneggiare seppur non ci si affida a dimensioni compatte e nello specifico parliamo di 164,9 x 76,75 x 9,09 mm per un peso di 192 grammi.

Tutto è ben bilanciato ed il design risulta molto sobrio anche nella colorazione fresca, light green, da noi in test ma esiste anche come ulteriore colorazione la light blue ed il classico nero. Back cover realizzata in policarbonato con effetto finta pelle, che grazie alla texture in rilievo aiuta nel grip ma soprattutto è resistente a sporco ed impronte. Redmi A1 accoglie sui profili il bilanciere del volume ed il tasto power sulla destra mentre sulla sinistra trova sede il vassoio SIM in grado di accogliere 2 SIM in formato nano ed una scheda micro SD per espandere la memoria. Nella parte alta del device è inserito lo speaker di sistema mentre sul lato opposto troviamo il jack da 3,5 mm, il microfono principale e l’ingresso di ricarica con supporto OTG di tipo micro USB.

Sul retro del device non troviamo nulla, se non la doppia fotocamera posteriore a cui si affianca un flash LED. Ed il sensore d’impronta? Non lo troviamo, ed in un certo senso potrebbe essere un vantaggio. Innanzitutto perché ne giova il design, il costo finale del terminale ma soprattutto perché se pensate all’ipotetico nonno/a a cui regalare lo smartphone, questo potrebbe preferire sbloccare il telefono con il classico PIN/pattern se non addirittura tenere senza alcun blocco il device. Non ho invece apprezzato l’assenza dello sblocco tramite il volto, che invece avrebbe aiutato di molto l’utente meno esperto.

DISPLAY

Il pannello montato su Redmi A1 offre una diagonale di 6,52 pollici con risoluzione HD+ (1600 x 720) in formato 20:9 con tecnologia IPS e notch a goccia. Buona anche la visibilità sotto la luce diretta del sole, così come ottime le varie funzioni offerte a livello software come la modalità lettura, l’attenuazione della luminosità e il tema scuro che seppur non aiuti ad aumentare la già ottima autonomia, risulta particolarmente d’aiuto nelle ore notturne.

Anche il vetro anteriore a protezione del display è piuttosto resistente: durante i giorni di prova ho sempre usato il Redmi A1 senza custodia e pellicola, nonostante lo tenessi in tasca anche con altri oggetti non ha riportato alcun graffio. Per completare la panoramica legata al design, non troviamo alcun tasto soft touch che verrà invece emulato a schermo oppure si potrà procedere con l’utilizzo delle comode gesture. Sulla parte alta del display troviamo la capsula auricolare, la fotocamera selfie, sensore di prossimità e luminosità ma niente LED per notifiche. Le cornici sono particolarmente pronunciate ma senza pregiudicare una piacevolezza generale nella visione di contenuti multimediali. A proposito di sensori, quello di luminosità risulta un pò pigro nel variare la corretta retro illuminazione passando da ambienti bui a luminosi (e viceversa) mentre il sensore di prossimità è di tipo virtuale e non fisico, seppur nei mie test non ho avuto alcun problema nell’ascolto di note vocali e/o chiamate.

AUTONOMIA

L’abbiamo nominata: ebbene si, il nuovo entry level del brand asiatico può essere considerato un battery phone, grazie ad un’unità da 5000 mAh che unita ad un SoC poco energivoro e le varie ottimizzazione del software, riesce ad ottenere almeno due giorni di utilizzo continuo, arrivando anche a 3 se siete utenti poco attenti alla vita “social”. Purtroppo la ricarica avviene ancora tramite cavo micro USB con un massimo di 10W di potenza, ma almeno la porta ha il supporto OTG.

SOFTWARE E CONNETTIVITA’

Sul software non spenderò molte parole, perché su Redmi A1 troviamo una sorta di MIUI castrata ma su base Android 12 Go Edition con patch aggiornate ad ottobre 2023. Della MIUI in realtà abbiamo ben poco, ma nel complesso la veste grafica è graziosa, mantenendo fede alle feature offerte dal sistema Android. Possiamo anche registrare le chiamate tramite il dialer stock di Google ma soprattutto sono garantiti da parte del produttore 2 anni di aggiornamenti, sia per patch che per major release.

A livello di ricezione, il dispositivo si comporta in maniera più che soddisfacente, al netto di una connettività 4G da sfruttare su entrambi gli slot SIM, un modulo WiFi mono banda, Bluetooth 5.0 ed un GPS che è risultato ultra veloce nell’aggancio del segnale dei satelliti (supportati anche quelli Galileo), con buona stabilità ed affidabilità nella navigazione su strada, anche se nei cambi repentini di direzione occorrono 2/3 secondi prima che il percorso venga corretto. Il WiFi invece mi ha sorpreso, poichè prende in ogni dove anche nei punti più “oscuri”. Assente NFC ma abbiamo invece a corredo la Radio FM, seppur per abilitarla nativamente dovrete seguire questa piccola guida.

La velocità di navigazione, anche se il device non ha mai agganciato il 4G+ ma solo il segnale 4G, è stata eccezionale, con picchi di download/upload che non mi sarei davvero aspettato. Anche il singolo microfono è degno di nota, offrendo una qualità in fase di conversazione davvero unica, anche per la cattura dell’audio in fase di registrazione video. Infine lo speaker, solo mono, non brilla per potenza nei bassi ma riesce a farsi apprezzare per l’alto volume che sprigiona senza mai gracchiare o distorcere il flusso sonoro.

FOTO E VIDEO

Come anticipato qualche riga su, Redmi A1 è dotato di una doppia fotocamera posteriore, ma in realtà per foto e video possiamo contare solo su un sensore da 8 MP con apertura focale f/2.0. La seconda ottica infatti è un obiettivo QVGA 248×328 che entra in gioco nelle foto in modalità ritratto, per la cattura dei dati di profondità di campo. Le foto restituite sono di discreta qualità con buona illuminazione mentre diventano particolarmente ricche di rumore digitale quando la luce ambientale non ci assiste. I colori comunque non sono eccessivamente saturi ma a volte si discostano troppo dalla realtà e forse una modalità notturna avrebbe giovato alla resa. Insomma scatti sufficienti ad immortalare un piccolo ricordo, ma niente più.

A livello di video possiamo registrare fino a risoluzione Full HD 1080p a 30fps, sia con la camera frontale che quella posteriore, ma la stabilizzazione è praticamente assente sotto ogni forma, sia digitale che ottica. Abbiamo però a livello software il supporto all’HDR automatico. Per la camera selfie mi limiterò a dire che abbiamo un modulo da 5 MP con apertura focale f/2.2 che offre la possibilità di scattare foto con il classico effetto bokeh, con discreti risultati. Ma se per la camera posteriore in notturna qualche scatto riusciamo ad utilizzarlo almeno per i social, con la camera frontale dovremmo cestinare tutto.

In offerta su Amazon

Ultimo aggiornamento il 19 Maggio 2024 1:47

CONCLUSIONI

Ovviamente Redmi A1 non è un best buy ma rimane uno smartphone interessante in considerazione del prezzo. Poco più di 70 euro direttamente sullo store Amazon, sono quasi un regalo per un device che fa dell’autonomia il suo vero punto di forza. Ottimo quindi come smartphone da lasciare in auto oppure all’interno dello zaino per essere utilizzato come dispositivo d’emergenza, oppure da regalare a persone che non godono di particolare attenzione nei confronti della tecnologia.

Device comunque completo nelle funzioni e poi la Radio FM è una chicca da non sottovalutare, così come la facilità nell’utilizzo, adatto davvero a tutti. Sicuramente è da tenere d’occhio perchè spesso il prezzo cala, anche di parecchio, sfiorando i 50 euro. Ad ogni modo in confronto di modelli della stessa fascia di prezzo offerti da brand rivali, o meglio dai veri “cinesoni” che troppo spesso dominano questo segmento del mercato, la soluzione di Redmi è senza dubbio vincente.

7.2 Punteggio totale
REDMI A1

Redmi A1 si fa strada nella fascia più bassa del mercato, uscendone per certi versi a testa alta. Peccato solo per il quantitativo di RAM che oramai nel 2023, dominato da applicazioni sempre più esose di risorse di sistema, vanno strette a qualsiasi device. Ad ogni modo l'autonomia da super eroe ed un software snello con aggiornamenti garantiti per due anni, fanno di questo terminale una vera eccellenza al di sotto dei 100 euro, rivelandosi una porta d'ingresso per i più piccoli/anziani che si affacciano al mondo degli smartphone.

CONFEZIONE
6
DESIGN E MATERIALI
7.1
DISPLAY
6.5
HARDWARE
6.2
AUDIO E RICEZIONE
7.3
SOFTWARE
6.2
FOTOCAMERA
5.9
BATTERIA
9.4
ERGONOMIA
8
ESPERIENZA UTENTE
7.5
PREZZO
9
PROS
  • PREZZO ALLA PORTATA DI TUTTI
  • AUTONOMIA
  • PRESENTE LA RADIO FM
  • WIFI PRENDE OVUNQUE
CONS
  • FOTO E VIDEO IN GENERALE
  • LENTO NELL'ESECUZIONE DELLE APP
  • HARDWARE OBSOLETO
Add your review
Emanuele Iafulla
Emanuele Iafulla

Nerd, Geek, Netizen, termini che non mi appartengono. Semplicemente me stesso, amante della tecnologia e provocatorio come Xiaomi fa con i suoi prodotti. Alta qualità a prezzi onesti, una vera provocazione per gli altri brand più blasonati.

Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
XiaomiToday.it
Logo