Roidmi Eve Plus contro iRobot Roomba i7+ Costa la metà ed è migliore

E’ innegabile come iRobot (quelli del Roomba) abbia fatto da apripista in Italia nel settore dei robot aspirapolvere, ma gli altri non sono restati a guardare. Tanti marchi stanno emergendo, portando tanta innovazione e qualità, in grado di minare questo monopolio. Scopriamo se è veramente così in questo confronto Roidmi Eve Plus vs iRobot Roomba i7+.

Design

La differenza del design adottato spicca subito all’occhio. Nel Roidmi prevale un aspetto più classico grazie anche alla sua colorazione bianca e discreta. Nell’iRobot prevale un design più aggressivo per via della colorazione nera ed i dettagli incavati.

Entrambi hanno comunque la classica forma circolare con dimensioni quasi identiche: Diametro da 35cm ed alto 9,8cm il Roidmi; Diametro da 34cm ed altro 9,2cm l’iRobot

Il vano di raccolta della polvere è accessibile frontalmente su tutti e due i robot ma nel Roidmi Eve Plus il filtro HEPA, oltre ad essere grande il doppio, è anche lavabile.

Navigazione

Nel Roidmi Eve Plus troviamo posta nella parte superiore la torretta LIDAR. Una tecnologia laser (LDS) che consente di mappare gli ambienti in modo accurato e veloce tramite degli impulsi laser. L’iRobot Roomba i7+ si affida invece ad un sensore ottico posto in alto che insieme all’algoritmo vSLAM, guida il robot negli ambienti.

Il sensore ottico del Roomba, anche se ancora presente in alcuni modelli economici, è una tecnologia superata a causa di evidenti limiti. E’ imprecisa e richiede anche 3 giri della casa per generare una mappa dettagliata. In condizioni di poca luce, nonostante la presenza di una luce di assistenza, la precisione è ancora più approssimativa. Non è in grado di riconoscere gli ostacoli in modo sufficientemente accurato da evitarli in anticipo. Il risultato è che il iRobot Roomba i7+ si muove modo approssimativo, urtando contro qualsiasi superficie, andando in crisi nelle situazioni più complicate (es. sotto le sedie). Questo comporta un maggior tempo impiegato per la pulizia, maggior consumo della batteria, minore precisione nella pulizia.

Invece nel Roidmi Eve Plus la tecnologia laser LDS si comporta benissimo ed esattamente all’opposto del Roomba. La mappa è generata (o rigenerata) rapidamente e accurata al centimetro. Il robot è sempre perfettamente orientato all’interno degli ambienti, riuscendo ad coprire la zona da pulire con grande precisione e percorsi sensati. Tutto questo anche al buio ovviamente.

Per pulire la mia cucina che misura circa 12mq calpestabili, il Rodmi impiega 12 minuti mentre il Roomba ne impiega 17 minuti con risultati anche più approssimativi. Considerato poi che la batteria dell’ iRobot i7+ è di soli 1830mAh (nel Roidme Eve Plus è 5200mAh), tutto questo tempo extra sprecato nella navigazione, si concretizza anche con un autonomia molto limitata.

La differenza a favore del Roidmi è enorme.

Aspirazione

Per quanto riguarda l’aspirazione, troviamo soluzioni simili.

Nel Roomba, due rulli contrapposti inviano lo sporco nel canale di aspirazione. Lateralmente una spazzolina rotante, aiuta ad arrivare negli angoli ed ad accentrare lo sporco verso la spazzola principale. La pressione di aspirazione è di soli 1800PA ma il doppio rullo compensa questa carenza.

Allo stesso modo il Roidmi Eve Plus ha un solo rullo come spazzola principale e due spazzole rotanti laterali. Qui la differenza la fa la grande pressione di aspirazione di 2700PA, in grado di ottenere buoni risultati anche sui tappeti.

Anche in questo caso, i test sono a favore del Roidmi grazie alla maggiore potenza ma soprattutto al migliore sistema di navigazione che garantisce risultati più accurati. Il Roidmi inoltre riconosce automaticamente i tappeti ed aumenta la potenza.

E’ invece a favore la maggiore capacità del contenitore della povere del Roomba che è da 400ml contro i 300 del Roidmi. Ma è un aspetto che pesa poco vista la funzione di autosvuotamento presente in entrambe i prodotti.

Lavaggio

La funzione di lavaggio dei pavimenti “mopping” è presente solamente nel Roidmi che ha un piccolo serbatoio da 250ml ed un accessorio panno che può essere installato all’occorrenza. Grazie anche alla presenza di un’elettrovalvola è possibile scegliere la quantità di acqua da utilizzare e selezionare zone nella mappa che non devono essere lavate.

E’ una funzione non adatta alle macchie difficili sul pavimento, ma il risultato è comunque ottimo sistema per rinfrescare i pavimenti e mantenerli puliti. Su pavimenti completamente lisci, si ottengono risultati ancora migliori.

L’iRobot Roomba i7+ è sprovvisto di questa funzione, non è stato quindi possibile confrontarli.

Base di auto-svuotamento

Su entrambe i prodotti troviamo una base che svuota il robot al ritorno in carica. Utilizzano un sacchetto dove viene incamerato lo sporco e che può essere poi cestinato senza sporcarsi. Nel Roidmi la capienza è di 3L, mentre del iRobot è 2.8L.

La Roidmi per la sua base ha sviluppato un sistema molto efficiente per la raccolta dello sporco dal robot posizionando l’attacco lateralmente invece che sotto al robot. Questo garantisce un percorso aspirazione più breve e naturale con conseguente meno dispersione di potenza e meno rischi di ostruzione oltre che una base meno ingombrante. La base ha inoltre un avanzato sistema di auto-sterilizzazione che entra in funzione dopo la fine della pulizia e mantiene pulito il robot, mentre il filtro HEPA inizierà a generare particelle deodoranti con la tecnologia dell’ossigeno attivo (utilizzato anche per le apparecchiature mediche), in grado di igienizzare, eliminare i batteri ed i cattivi odori.

Inoltre sulla base del Roidmi Eve Plus è presente un comodo display touch che indica la carica residua, il countdown durante lo svuotamento e può essere utilizzato per forzare lo svuotamento stesso. All’interno troviamo anche un filtro che può essere sfilato e lavato.

La base del Roomba fa il suo lavoro, svuotando senza problemi lo sporco. L’operazione può essere avviata anche tramite l’app.

In generale entrambe fanno il loro lavoro con efficienza ma è evidente che la Roidmi abbia saputo proporre qualcosa di più.

Applicazione per la gestione

Il Roidmi Eve Plus utilizza l’app della Xiaomi per la gestione della domotica Xiaomi Home. L’app è ben realizzata ed intuitiva da utilizzare. La schermata principale ci offre subito una panoramica sulla mappa della casa e ci mostra in tempo reale la posizione del robot anche durante la pulizia. Sono tantissime le impostazioni e funzioni a disposizione: creazione di zone vietate a pulizia o lavaggio, infiniti muri virtuali e zone vietate, creazione di routine, riconoscimento tappeti, controllo remoto, modifica delle mappe, richiamo robot per svuotamento, etc.

L’app dell’iRobot, iRobot Home, è strutturata in modo di verso, meno intuitivo per i miei gusti, ma include le funzioni principali come la gestione della mappa, pianificazione pulizie e diversi parametri del robot. Rilevo solo due grandi mancanze: la visualizzazione del robot nella mappa e la creazione di muri virtuali/ zone vietate. Per l’iRobot Roomba i7+ è stato pensato un accessorio “fisico” alimentato a batterie da posizionare di fronte alla zona vietata, ma è evidente quanto sia una soluzione meno comoda e limitante.

Conclusioni, Roidmi Eve Plus mi ha stupito

Ho affrontato questo confronto con grande entusiasmo e curiosità di capire a che punto sono gli “altri brand” nel settore dei Robottini paragonato al gigante americano iRobot. Mai mi sarei immaginato di ricevere risultati talmente sbilanciati da sembrare di parte.

Il grosso gap è certamente quello del sistema di navigazione, enormemente superiore nel Roidmi Eve Plus grazie alla tecnologia laser LDS. Questo va ad influire negativamente anche sulla qualità della pulizia e sull’autonomia, già penalizzate di loro dalle carenti specifiche tecniche dell’iRobot Roomba I7+.

Se aggiungete la funzione di “lavaggio” che è presente solo Roidmi, il risultato del confronto è tutto a favore del Roidmi.

Come se non bastasse questo, il Roidmi Eve Plus è in vendita su amazon a 362€ (usando il codice sconto O8ZDTIDB), ovvero meno della metà rispetto agli 899€ dell’iRobot. C’è poco altro da aggiungere a questa vittoria schiacciante.

Simone Rodriguez

Blogger, ma soprattutto appassionato di tecnologia. Faccio parte di una generazione che è passata dal tubo catodico agli smartphone, rendendomi testimone di un'evoluzione tecnologica senza precedenti. Dal 2012 seguo assiduamente il marchio Xiaomi che con il convogliarsi di vari progetti mi ha portato a realizzare XiaomiToday.it, la casa di tutti gli Xiaomisti Italiani. Scrivimi: s.rodriguez@xiaomitoday.it

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
XiaomiToday.it - La community italiana per i prodotti Xiaomi
Logo