fbpx

Recensione Xiaomi Mi Max 3 – Enorme si, ma va bene per tutte le tasche

La tendenza di questi ultimi anni è quella di adornare lo smartphone del momento con un display dalle dimensioni sempre più generose dando vita a maxi telefoni, vie di mezzo tra smartphone e tablet, i cosiddetti phablet. Ma mai nessuno si è spinto fino al limite estremo dei 6,9 pollici in 18:9 senza rinunciare all’ergonomia, almeno fino ad ora. Infatti vediamo insieme il phablet targato Xiaomi, il Mi Max 3, nella recensione completa resa possibile grazie all’invio del sample da parte di HonorBuy.it.

UNBOXING

Nell’enorme box di vendita in colorazione bianca contraddistinta da un enorme numero 3 e la scritta MAX in color oro troviamo:

  • adattatore per presa europea omaggiata dallo store HonorBuy.it
  • smartphone Xiaomi Mi Max 3
  • manuale utente e foglio garanzia in lingua cinese
  • spillo per la rimozione del carrello SIM
  • caricatore da rete con attacco cinese ed uscita 5V – 3A / 9V – 2A / 12V – 1.5A
  • cavo USB Type-C per la ricarica ed il trasferimento dei dati


A giudicare il design di Mi Max 3 potremmo esclamare la frase: “Grosso è bello”, seppur in effetti non sia presente nessun elemento veramente distintivo per questo device, che somiglia ad un Mi A2 in misure giganti. Parliamo infatti di 176,15 x 87,4 x 7,99 mm per un peso di 221 grammi che si fondono in un corpo completamente realizzato in metallo interrotto da una dual camera verticale e dual flash LED, ormai quasi iconica per i dispositivi del brand, ed un sensore per impronte digitali. Di questo si potrebbe dire che si trova al posto giusto al momento giusto, in quanto nonostante le ampie dimensioni del terminale riusciamo sempre a trovarlo al primo colpo, complice anche una sede leggermente incavata nella scocca. Lo sblocco avviene in tempi davvero rapidi e soprattutto senza sbagliare un colpo, ma quello che ho davvero apprezzato è la gesture associata allo scatto di fotografie, davvero utile per i selfie in considerazione delle dimensioni titaniche del Mi Max 3.

L’ergonomia è decisamente buona, grazie al form factor in 18:9 del display che lo rende più stretto di quanto non sarebbe se avesse un display della stessa diagonale ma in 16:9. Avrei però gradito in confezione una cover di protezione, in genere presente su altri modelli, per cui non capisco l’assenza in questo caso, dove sarebbe stata davvero giustificata. Costruzione davvero ottima, con linee riprese dal Mi A2, che rendono Mi Max 3 una piccola opera di design che nasconde le antenne di ricezione del display sui profili inferiore e superiore dove trovano sede un trasmettitore IR, il secondo microfono per la riduzione dei rumori ambientali e l’ingresso jack da 3,5 mm, mentre speculare a ciò troviamo il microfono principale, l’ingresso USB Type-C per la ricarica del dispositivo con funzione OTG e gradita novità la possibilità di ricaricare un altro terminale, ed infine lo speaker di sistema. Come per la precedente generazione abbiamo un suono stereo, che si ottiene dal lavoro combinato di speaker di sistema e capsula auricolare, seppur questa si limiti a fare da supporto visto che il livello di volume non è altissimo e soprattutto quasi esente dalle frequenze dei bassi.

Detto ciò però il suono in generale è di buona qualità, volume decisamente generoso e che lo dico a fare… l’accoppiata con l’ampio display è una goduria per la visione di contenuti multimediali. Ma prima vi ho accennato della battiera, un’unità da 5500 mAh, che si conferma uno dei punti di fornza della serie Max di Xiaomi, regalando un’autonomia quasi impossibile da esaurire in una sola giornata, in media quasi sempre almeno 2 giorni di uso semi-intenso che si traducono in circa 7 ore di schermo attivo. E’ presente il supporto alla ricarica rapida Quick Charge 3.0, ma non con il caricatore in dotazione, seppur il pieno di energia ci impiegherà abbastanza tempo (circa 3,5 ore), ma con un’autonomia del genere questo è l’ultimo dei vostri pensieri, infatti potrete sfruttare il vostro Mi Max 3 come una power bank e caricare anche altri dispositivi.

Completano il design perimetrale del Mi Max 3, il tasto di accensione/spegnimento e bilancere del volume sul lato destro ed il carrello per le SIM su quello sinistro. Possiamo inserire due SIM contemporaneamente in formato Nano oppure rinunciando alla funzionalità Dual SIM Dual Standby possiamo espandere la memoria interna tramite scheda micro SD fino a 256 GB.

Ma le dimensioni ed il peso del terminale vengono in secondo piano quando cominciamo ad ammirare l’ampio display da ben 6,9 pollici di diagonale, di tipo IPS con risoluzione Full HD+ 2160 x 1080 pixel, contrasto 1500:1, luminosità 520 nits, 84% gamma colori NTSC. E seppur la tecnologia IPS non permetterà di apprezzare al meglio le profondità colore tipiche del nero, la resa cromatica in generale è davvero uno spettacolo per gli occhi. Ed è proprio questo display che fa pendere l’ago della bilancia sull’acquisto di un terminale del genere piuttosto che ad un tablet: insomma con Mi Max 3 avrete con voi un dispositivo 2 in 1.

mi max 3

Infine a livello software Xiaomi mette a disposizione la possibilità di regolare la temperatura colore, la modalità lettura, attivare il doppio tap per risvegliare lo schermo che sotto la luce diretta del sole gode di una buona visibilità. Nella cornice inferiore al display di Mi Max 3 non abbiamo alcun tasto fisico poichè inseriti a display, con possibilità di essere invertiti tra loro oppure di essere eliminati sfruttando le gesture a schermo, che per quanto apprezzabile la presenza, in questo caso non le ho trovate particolarmente utili e forse è meglio ripiegare sulla modalità ad una mano. Infine va segnalata la corretta polarizzazione del display che pertanto può essere tranquillamente utilizzato anche con occhiali da sole con trattamento delle lenti polarizzate.

mi max 3

Nella cornice superiore al display invece troviamo i sensori di prossimità e luminosità, la capsula auricolare e la fotocamera selfie, LED di notifica monocromatico di colore bianco e flash LED per scatti selfie in notturna. Ma prima di parlare di prestazioni, voglio affrontare il tema connettività, perchè Mi Max 3 ha in dote il supporto alla banda 20 a 800 mHz, questo a prescindere dalla versione del telefono (China o Global). Questo significa che non abbiamo alcun problema di ricezione con nessun operatore, potendo sfruttare anche la modalità Dual 4G, quindi LTE su entrambi gli slot SIM. Ed infatti non ho mai riscontrato segnali di ricezione debole o “ballerina” così come la navigazione è sempre stata fluida e con segnale 4G sempre presente. L’unico difetto che ho potuto riscontrare è un volume chiamata in capsula, stranamente basso, ed uso il termine stranamente perchè la mia unità è già stata utilizzata da altri recensori prima di me che non sembrano aver rilevato il problema, che potrei attribuire quindi ad una caduta del terminale con relativo micro distacco dei connettori. Ad ogni modo nulla di drammatico, ma conviene essere in ambienti poco rumorosi durante le chiamate.

mi max 3

Allo Xiaomi Mi Max 3 non manca inoltre un modulo Bluetooth 5.0, WiFi 802.11 a/b/g/n/ac su doppia frequenza (2.4 / 5.0 GHz) con supporto al WiFi Direct, nonchè un modulo GPS / AGPS / GLONASS / Beidou affidabile e preciso in ogni situazione. Ma affrontiamo insieme il tema prestazioni che su Mi Max 3 sono garantite dal processore Qualcomm Snapdragon 636, octacore a 1,8 GHz a 14nm coadiuvato dal processore grafico Adreno 509, 4 GB di memoria RAM di tipo LPPDR4X dual channel e 64 GB di storage interno eMMC 5.1. Una dotazione che abbiamo potuto apprezzare già in Redmi Note 5 Pro e che ci ha regalato grandi sorprese ed emozioni a livello prestazionale e che anche in Mi Max 3 non delude. Non manca la fluidità ed una buona velocità generale nell’apertura di applicazioni, mentre risultano assenti lag e surriscaldamenti in generali anche con picchi di stress come gaming con titoli del calibro di Real Racing 3 e PUBG.

BENCHMARK

E le performance vengono garantite anche dall’interfaccia MIUI che in questo caso si porta alla versione 9.6.9.0 China Stable con patch di sicurezza del 01 luglio 2018 e versione Android 8.1.0. E non occorrono presentazioni se non il fatto che avrei preferito qualche funzionalità per sfruttare al meglio l’ampio display, ma a parte ciò concludo con il dire che non ho avuto problemi nell’installare i servizi Google che sono risultati tutti pienamente funzionanti, per quanto a livello di notifiche dovrete impostare qualche parametro per renderle sempre presenti e non “dormienti”.

Ed eccoci come al solito a concludere questa recensione con il comparto fotografico di Mi Max 3 che anche in questo caso strizza l’occhio a quello di Redmi Note 5. Infatti sul retro troviamo una doppia camera con sensore primario Samsung S5K2L7 da 12 megapixel, apertura focale f/1.9 con superficie pixel da 1,4 μm, unita ad un sensore di “profondità” Samsung S5K5E8 da 5 megapixel, apertura f/1.9 che regala degli ottimi effetti bokeh. E’ presente anche una messa a fuoco super rapida e precisa, Dual PD Dual Core Speed ​​Focus, mentre a livello di sistema troviamo la funzione HDR automatico, vari filtri in tempo reale, modalità panorama ed automatica, quest’ultima con possibila di settare il bilanciamento del bianco, la messa a fuoco con funzione di PEAK ON/OFF, tempo di scatto ed ISO ed infine la modalità Beauty AI. Xiaomi però ha promesso che con i successivi aggiornamenti di rilasciare la modalità di riconscimento della scena AI, molto apprezzata in terminali come Mi 8.

A livello video possiamo girare video fino al 4K a 30 fps ma anche Full HD a 60 fps, ma in entrambi i casi l’assenza dello stabilizzatore si fa notare, mentre con risoluzione 1080p 30fps si ottengono video decisamente di buon livello, che magari con qualche editing non troppo elaborato permettono di tirar fuori lavoro a livello professionale, grazie alla stabilizzazione di tipo digitale che in questo caso è attiva e sembra lavorare al meglio. Per completezza di informazioni infine faccio presente che possiamo anche effettuare Time Lapse in Full HD e Slow Motion a 720p 120fps.

La camera frontale del Mi Max 3 è affidata invece ad un sensore Samsung S5K4H7 da 8 megapixel, apertura f/2.0 e superficie pixel 1,12  μm. Anche in questo caso abbiamo la possibilità di ottenere scatti in modalità ritratto davvero niente male e girare video in Full HD a 30 fps non stabilizzati. E la resa generale non è niente male anche in situazioni particolari, grazie al flash LED che ribalta completamente la resa fotografica in scarse condizioni di illuminazione. Infine va segnalato che grazie alla camera frontale possiamo usufruire della funzione del Face Unlock, quasi necessaria in determinate situazioni. Lo sblocco avviene in tempi piuttosto rapidi seppur con il calar della luce ambientale l’affidabilità di riconoscimento viene meno. A conti fatti Xiaomi Mi Max 3 mi ha stupito dal punto di vista della resa fotografica in generale: qualche pecca in situazioni di scarsa illuminazione ma in diurna le foto sono davvero al top, al pari di top di gamma così come i video in Full HD 30fps stabilizzati sono un qualcosa di incredibile, con una cattura dell’audio stupefacente.

CONCLUSIONI

Xiaomi Mi Max 3 è uno smartphone particolare, non per tutti, ma non per le capacità prestazionali o funzionali ma per via delle sue dimensioni titaniche che in tanti non apprezzano, anzi in molti sperano nel rilascio di un device sotto i 5 pollici. Detto ciò al netto delle dimensioni, Xiaomi Mi Max 3 è un terminale che potrebbe invece stare bene nelle tasche di molti e che col tempo potrebbe rivelarsi il compagno ideale nell’utlizzo quotidiano, basta fare l’abitudine alle sue dimensioni. Inoltre non c’è da sottovalutare l’autonomia mostruosa che unita ad una buona costruzione ed ottime prestazioni, fanno di Mi Max 3 il phablet ideale per i viaggiatori o per tutti quegli utenti che soffrono della paura di rimanere a secco di autonomia durante la giornata, e per quello che costa un pensiero sull’acquisto ne vale davvero la pena. Siete convinti? Allora potete trovare Xiaomi Mi Max 3 presso lo store HonorBuy.it con spedizione dall’Italia nonchè garanzia ed assistenza tutta italiana, ma non di menticarti di utilizzare il coupon XT5OFF.

8.8 Punteggio totale
XIAOMI MI MAX 3

Xiaomi Mi Max 3 per via delle dimensioni potrebbe essere snobbato da molti, ma credetemi, una volta fatta l'abitudine il phablet cinese potrebbe essere il vostro compagno ideale per l'utilizzo quotidiano senza il pensiero di rimanere a secco con la batteria. Completo a 360°, Mi Max 3 è una sopresa anche dal punto di vista fotografico così come le prestazioni garantiscono un'esperienza utente super.

CONFEZIONE
8.3
DESIGN E MATERIALI
8.7
DISPLAY
9
HARDWARE
8.6
AUDIO E RICEZIONE
8.9
SOFTWARE
8.2
FOTOCAMERA
9.3
BATTERIA
10
ERGONOMIA
7.9
ESPERIENZA UTENTE
9
PREZZO
9.1
PROS
  • AUTONOMIA
  • FOTOCAMERA
  • DISPLAY
  • POSSIBILITA' DI UTILIZZO COME POWERBANK
  • PRESTAZIONI GENERALI
CONS
  • ASSENZA COVER DI PROTEZIONE IN DOTAZIONE
Add your review
Telegram Logo T'interessano le offerte? Segui il nostro Canale Telegram! Tantissimi codici sconto, offerte, alcune esclusive del gruppo, su telefoni, tablet gadget e tecnologia.

Da sempre appassionato di tecnologia ma molto timido. Ho provato a sconfiggere la timidezza prima aprendo un canale youtube e successivamente collaborando come articolista e recensore su alcuni blog per approdare definitivamente in xiaomitoday.it Scrivimi: [email protected]

XiaomiToday.it - La community italiana n.1 per i prodotti Xiaomi
Confronta prodotti
  • Total (0)
Compare