fbpx

Guida alle differenze tra le varie branche e versioni della MIUI di Xiaomi

Update - 2018.01.01 Aggiornata lista telefoni con Global Stable in italiano.

Alle sue origini la MIUI, quando Xiaomi ne cominciò lo sviluppo e nessun telefono era ancora in cantiere, esisteva una sola branca. Con il passare degli anni, l’arrivo dei (molti) devices Xiaomi ed infine lo sbarco nel mercato extra Cinese, la MIUI si è necessariamente riorganizzata e differenziata in varie branche che però ai meno addetti creano molta confusione. Facciamo un pò di chiarezza.

Xiaomi Mi A2 4/64Gb Global
Xiaomi Mi A2 4/64Gb Global

Spedizione da Italia 2gg - Garanzia Italia 🇮🇹

239€ 245€
Usa il coupon: XTSUMMER5

Indice dei contenuti

Le MIUI Cinese/Inglese

Le MIUI Global

Le MIUI Custom

La numerazione della MIUI

La numerazione della MIUI consta di due tipologie a secondo che si tratti di una ROM di sviluppo oppure di una stabile.

Le ROM di sviluppo (developer nightly, developer weekly, beta) utilizzano una numerazione basata sulla data di rilascio nel formato: ultima_cifra_dell_anno.mese.giorno. Di conseguenza una versione rilasciata il 21 Aprile 2016 avrà come numerazione 6.4.21.

Le ROM stabili seguono invece una numerazione standard in cui la prima cifra rappresenta il numero di release maggiore tipico del software versioning e le altre a seguire con questo schema: major.minor.build.revision. Ad esempio 7.2.12.0.

MIUI China Developer Nightly

E’ la MIUI Riservata solamente agli utenti inclusi nei gruppi di closed beta testing, è un cantiere aperto per le novità ed i bugfixs che ci si è proposti di rilasciare con la developer weekly (leggi dopo). L’aggiornamento quasi giornaliero è OTA quindi automatico ed incrementale, non esiste però alcun download ufficiale rintracciabile.

  • Aggiornamenti: Quasi quotidiana – OTA Supportato
  • Lingue: Inglese/Cinese
  • Google PlayStore e Play Services: NO
  • Permessi ROOT: Abilitabili dopo lo sblocco del bootloader. Sono permessi parziale poiché non permettono la scrittura/modifica del file system.
  • Download: N/A

MIUI China Developer Weekly

E’ una versione di sviluppo (open beta) ma che è già passata tra le mani dei beta tester e quindi garantisce una buona stabilità. Fondamentalmente è la somma delle novità presentate durante la settimana tramite le nighty ed il modo migliore per provare le novità. L’aggiornamento è OTA quindi automatico ed incrementale con cadenza settimanale (giovedì pomeriggio).

  • Aggiornamenti: Settimanale – OTA supportato
  • Lingue: Inglese/Cinese
  • Google PlayStore e Play Services: NO
  • Permessi ROOT: Nativi ma abilitabili solo dopo lo sblocco del bootloader. Sono permessi parziali poiché non permettono la scrittura/modifica del file system.
  • Download: Forum ufficiale Xiaomi.


MIUI China Stable

La MIUI China “stabile” è invece la somma di tutte le novità passate con la weekly, riviste e corrette per confezionare una versione che garantisce il massimo della stabilità a discapito però di una minore frequenza di aggiornamenti.

  • Aggiornamento: Mensile (variabile secondo il device) – OTA supportato
  • Lingue: Inglese/Cinese
  • Google PlayStore e Play Services: NO
  • Permessi ROOT: Tramite il flash di file specifici e gestione tramite SuperSU
  • Download: Forum ufficiale Xiaomi.

MIUI Global Beta Nightly

E’ la MIUI Internazionale Riservata solamente agli utenti inclusi nei gruppi di closed beta testing. Come per la China Developer Nightly, è una branca che interessa solo pochi volontari che hanno voglia di provare le primissime release prima che, dopo i dovuti test, diventino “Beta Open” (MIUI Global Beta Weekly)

  • Aggiornamenti: Quasi quotidiana – OTA Supportato
  • Lingue: 26 lingue diverse tra cui l’Italiano
  • Google PlayStore e Play Services: SI
  • Permessi ROOT: Abilitabili dopo lo sblocco del bootloader. Sono permessi parziale poiché non permettono la scrittura/modifica del file system.
  • Download: N/A

MIUI Global Beta / Developer Weekly

Le versioni Global sono pensate per il mercato extra-china ed includono infatti più lingue della versioni China. La Global Beta (anche chiamata Developer), così come la China developer, è la branca di sviluppo che propone aggiornamenti frequenti ma una stabilità minore ed include la bellezza di 26 lingue diverse tra cui l’Italiano. L’aggiornamento è OTA quindi automatico ed incrementale con cadenza settimanale. Pur mantenendo una numerazione simile a quella China developer, è in verità sempre un pochino indietro con le novità.

  • Aggiornamento: Settimanale – OTA supportato
  • Lingue: 26 lingue diverse tra cui l’Italiano
  • Google PlayStore e Play Services: SI
  • Permessi ROOT: Tramite il flash di file specifici e gestione tramite SuperSU
  • Download: Forum ufficiale Xiaomi.

MIUI Global Stable

La Global Stable, come nei precedenti casi, è una versione che nasce dalla somma delle versioni di sviluppo e che “sboccia” in una versione stabile e maggiormente godibile. La Global stable inizialmente includeva solo le lingue dei mercati in cui Xiaomi è ufficialmente approdata ma sta gradualmente includendo anche l’italiano per i seguenti modelli: Mi5, Mi5s, Mi6, Mi Mix, Mi Mix 2, Mi Note 2, Mi Note 3, Mi Max/Prime,Mi Max 2, Redmi 3S, Redmi Note 3 Pro, Redmi Note 3 SE, Redmi Note 4, Redmi 4, Redmi 4A, Redmi 4X, Mi 4i (lista in continuo aumento). Ovviamente la presenza di molte più lingue della versione Global Beta, lascia immaginare che Xiaomi si appresti quantomeno a rilasciare una versione realmente Globale e valida per tutti paesi del mondo. L’aggiornamento è OTA quindi automatico ed incrementale con cadenza grossomodo mensile.

  • Aggiornamento: Mensile (variabile secondo il device) – OTA supportato
  • Lingue: Cinese (Tradizionale e non), Inglese (US e UK), Indonesiano, Vietnamita, Tamil, Thailandese, Portoghese, Indiano, Filippino. Italiano solo per alcuni modelli (vedi sopra)
  • Permessi ROOT: Tramite il flash di file specifici e gestione tramite SuperSU
  • Download: Forum ufficiale Xiaomi.

MIUI Multilanguage Xiaomi.eu Developer e Stable

Entriamo nel mondo delle ROM custom. La MIUI Multilanguage, fino all’avvento delle Global, è stata l’unica opzione per avere lingue diverse dall’Inglese e Cinese nella MIUI. La MIUI Multilanguage, derivata dalla China Developer e China Stable, è il frutto del lavoro di tutte le fanzine sparse per il mondo (la nostra di miui.it è stata una delle prime ad aderire) che con le loro traduzioni locali, vanno ad alimentare l’ampio archivio di lingue presenti, ben 26. Rispetto a quelle locali, le traduzioni della Multilanguage sono sempre indietro di una versione poiché preferiscono rilasciare immediatamente senza attendere che i teams di traduzioni locali aggiornino le loro traduzioni, raggiungono comunque un buon livello di completezza. Le ROM di xiaomi.eu sono “ripulite” da servizi ed apps cinesi non essenziali, incorporano il playstore, i playservice ed alcune piccole ottimizzazioni per l’extra-china. Pur rimanendo presente il framework Xiaomi, è assente lo Xiaomi apps store (MiStore).

  • Aggiornamento Developer: Settimanali, OTA supportato (le ROM vengono caricate sui server il venerdì notte)
  • Aggiornamento Stable: Mensile (variabile secondo il device) – OTA supportato
  • Lingue: Italiano, Cinese (Tradizionale e non), Inglese (US e UK), Arabo, Cecoslovacco, Tedesco, Francese, Olandese, Greco, Ungherese, Coreano, Portoghese, Spagnolo, Catalano, Ungherese, Polacco, Rumeno, Sloveno, Turco, Russo, Croato, Indonesiano, Vietnamita, Tamil, Thailandese, Portoghese, Indiano, Filippino.
  • Google PlayStore e Play Services: SI
  • Permessi ROOT: Tramite il flash di file specifici e gestione tramite SuperSU
  • Note: Richiede lo sblocco del Bootloader.
  • Download: Unofficial International Forum

MIUI di MIUI Italia

Come la MultiLingua, la MIUI “nostrana”, derivata dalla China Developer (ma non la China Stable), ed è il frutto del lavoro gratuito del team di MIUI Italia che da tempo immemore ci ha regalato la versione localizzata della MIUI. Con l’aumentare dei terminali Xiaomi, ma non solo, il lavoro di traduzione si è moltiplicato esponenzialmente rendendo impossibile un rilascio regolare per tutte i devices. Le ROM di MIUI Italia, oltre ad includere i servizi di Google, garantiscono una traduzione completa al 99% ed alcune ottimizzazioni specifiche per il nostro paese. Pur rimanendo presente il framework Xiaomi, è assente lo Xiaomi apps store (MiStore).

  • Aggiornamenti: Settimanale (variabile secondo il device) – OTA non supportato
  • Lingue: Italiano, Inglese, Cinese
  • Google PlayStore e Play Services: SI
  • Note: L’installazione richiede lo sblocco del Bootloader
  • Permessi ROOT: Tramite il flash di file specifici e gestione tramite SuperSU
  • Download: MIUI Italia

Porting della MIUI

I porting sono appunto delle versioni della MIUI “portate” su terminali non-xiaomi. Entriamo in un terreno un pò vario perché, nonostante per molti modelli si parli di supporto ufficiale con relativo download sul Forum MIUI, in verità queste versioni non sono sviluppate dal team Xiaomi e nemmeno provate da moderatori o da figure di controllo. Proprio perché lo sviluppo è lasciato nelle mani di qualche volenteroso volontario, non esiste nemmeno uno un vero standard. Troveremo a seconda delle modello delle versioni che funziono meglio o peggio, con poche lingue o solo l’inglese/cinese, con root o personalizzazioni, aggiornamenti frequenti o release abbandonate. Ovviamente, oltre che nel forum MIUI ufficiale, è possibile trovare un pò ovunque porting per tantissimi modelli.

  • Cadenza: N/A
  • Lingue: N/A
  • Google PlayStore e Play Services: N/A
  • Download: Forum ufficiale Xiaomi

MIUI farlocca / custom

Con la colorita denominazione di “farlocche” (come riconoscere una rom farlocca) si vanno solitamente ad indicare delle versioni speciali realizzate ed utilizzate da venditori internazionali (es. GearBest) e sono delle versioni MIUI ufficiali, spesso della branca “stable”, in cui vengono implementati idiomi normalmente non presenti come l’italiano, realizzando così degli ibridi unici (Es. China stable con italiano). Rispetto al passato, sono ROM sufficientemente prive di inutili apps cinesi e consentono un discreto grado di godibilità ma non sono aggiornabili in alcun modo. Avendo sufficienti competenze, suggeriamo sempre di sostituirle con altre branche per poter usufruire dei costanti aggiornamenti della Xiaomi. Ciononostante è frequente incontrare persone meno “geek” che hanno mantenuto queste ROM per mesi con soddisfazione.

A partire dalla seconda metà del 2017, Xiaomi ha dato una stretta a questo fenomeno vietando l’utilizzo di ROM non originali, è quindi ormai rarissimo trovarne.

  • Cadenza: N/A – Non aggiornabile se non cambiando ROM
  • Lingue:Italiano, Cinese (Tradizionale e non), Inglese (US e UK), Arabo, Cecoslovacco, Tedesco, Francese, Olandese, Greco, Ungherese, Coreano, Portoghese, Spagnolo, Catalano, Ungherese, Polacco, Rumeno, Sloveno, Turco, Russo, Croato, Indonesiano, Vietnamita, Tamil, Thailandese, Portoghese, Indiano, Filippino.
  • Google PlayStore e Play Services: Si
  • Download: N/A

Con questa disamina spero di aver fugato i dubbi di molti, ma se avete rilevato inesattezze, se avete domande o semplicemente volete aggiungere qualche informazione, vi prego di utilizzare i commenti.

Telegram Logo T'interessano le offerte? Segui il nostro Canale Telegram! Tantissimi codici sconto, offerte, alcune esclusive del gruppo, su telefoni, tablet gadget e tecnologia.

Blogger, ma soprattutto appassionato di tecnologia. Faccio parte di una generazione che è passata dal tubo catodico agli smartphone, rendendomi testimone di un'evoluzione tecnologica senza precedenti. Dal 2012 seguo assiduamente il marchio Xiaomi che con il convogliarsi di vari progetti mi ha portato a realizzare XiaomiToday.it, la casa di tutti gli Xiaomisti Italiani. Scrivimi: [email protected]

XiaomiToday.it - La community italiana n.1 per i prodotti Xiaomi
Confronta prodotti
  • Total (0)
Compare