fbpx

Huawei in crisi, Xiaomi rincara la dose: cosa ci aspetta?

La crescita di Xiaomi è ormai sotto gli occhi di tutti. Se prima veniva considerata un brand di nicchia per la telefonia, adesso l’azienda cinese può vantare un catalogo tecnologico probabilmente unico al mondo: spaziando da prodotti domestici e domotici a prodotti per il make-up, da smartphone e tecnologia ad arredi per la casa, Xiaomi si è fatta largo sgomitando con colossi mondiali. Il 2019 per Xiaomi è destinato ad essere l’anno della consacrazione definitiva in territorio cinese.

XIAOMI Mi 9T PRO 128GB Flame RED - BLU Global 6/128gb
XIAOMI Mi 9T PRO 128GB Flame RED - BLU Global 6/128gb
🇮🇹GRATIS Spedizione da Italia 24/48h
394.9€
image
Usa il coupon: MENO5_XT

 

Xiaomi: da vendita on-line alle aperture dei Mi Store nel mondo

Gli eventi di presentazione oramai non sono più quantificabili. E non parliamo solo di lanci di nuovi prodotti, ma soprattutto delle aperture di nuovi negozi, dei quali l’Italia ha visto solo una minima parte. Dopo aver annunciato la quotazione in borsa, da cui gli investitori hanno tratto già dei benefici, e dopo aver annunciato il trasferimento dell’Head Quarter a Pechino, in Xiaomi si è assistito ad una ristrutturazione organizzativa che ha conferito a Lei Jun, CEO dell’azienda, il fregio di Presidente di Xiaomi Group e piena autorità nelle decisioni inerenti il mercato e il business in territorio cinese.

“Xiaomi Iron Army, three years of victory!”

Lei Jun, CEO di Xiaomi

Con questo slogan Lei Jun ha aperto l’ultima riunione del gruppo, dimostrando una certa sicurezza nel voler puntare a raggiungere l’apice del mercato cinese dell’IoT (Internet of Things): il lancio della connettività 5G potrebbe essere l’elemento portante di questo percorso della durata di tre anni. L’inizio di questo percorso, d’altronde, è iniziato già a gennaio di quest’anno col lancio dell’assistente vocale XiaoAI Smart Assistant che si interfaccerà con tutta una serie di prodotti che l’azienda ha già progettato e che, in parte, ha già mostrato al mondo: non dimentichiamoci che di “Ecosistema Xiaomi” Lei Jun aveva già parlato qualche anno fa in conferenza live a Barcellona!

lei jun xiaomi

La crisi di Huawei potrebbe aprire definitivamente le porte a Xiaomi nel mercato cinese (e mondiale)?

La risposta non è così semplice. Quel che è certo è che non abbiamo la sfera di cristallo e che ci piacerà osservare da fans interessati quanto accadrà nei prossimi mesi.
Di sicuro, però, possiamo dire che Xiaomi proverà a soffiare quote di mercato e – perchè no – a raggiungere la vetta del mercato asiatico sfruttando gli ampi margini che Huawei sta lasciando in un settore quanto mai saturo.

huawei-vs-xiaomi

Notizia di ieri è infatti la nomina di Zhang Jianhui, già vicepresidente di Xiaomi China, a responsabile diretto del business offline in territorio cinese: certamente questa può essere considerata una mossa per entrare con forza nel mercato retail per cercare di scalzare quella che è tutt’ora l’azienda con la quota di mercato più ampia in Cina: Huawei.

Voi che ne pensate? Saranno i problemi che sta affrontando Huawei a spalancare le porte a Xiaomi? O semplicemente velocizzeranno l’espansione che Xiaomi aveva già pianificato?

 

Fatecelo sapere nei commenti e non dimenticate di seguire la pagina Facebook e il canale Youtube di XiaomiToday.it!

 

Telegram LogoT’interessano le OFFERTE? Segui il nostro Canale TELEGRAM! Tantissimi codici sconto, offerte, alcune esclusive del gruppo, su telefoni, tablet gadget e tecnologia.

Studente di ingegneria gestionale, blogger appassionato del mondo Xiaomi e, più in generale di tecnologia. Nel tempo libero, oltre a scrivere guide per i dispositivi Xiaomi, ho tre passioni: il calcio, la musica e il ciclismo :) Scrivimi: https://www.facebook.com/yugin89

Commenta

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami
XiaomiToday.it - La community italiana n.1 per i prodotti Xiaomi
Confronta prodotti
  • Total (0)
Confronta
0

Like us!