Amazfit GTR 3 – Aggressivo nel prezzo e super funzionale

Il mondo wearable è sempre più alla portata d’utente, vantando dispositivi a basso costo che offrono funzioni spesso tipiche di dispositivi professionali. Amazfit fin dagli esordi ci ha dimostrato che non sempre occorre svenarsi nell’acquisto per ottenere ottimi livelli qualitativi sia nella costruzione che nel monitoraggio dei dati di salute e sportivi e di recente ha lanciato sul mercato un trio di orologi smart, ovvero il GTS 3, il GTR 3 PRO e il GTR 3, quest’ultimo oggetto della recensione di oggi.

AMAZFIT GTR 3
149,90€
Amazfit GTR 3  – Aggressivo nel prezzo e super funzionale

Si parte come al solito dal contenuto della confezione che risulta piuttosto essenziale e che nello specifico si compone di:

  • Amazfit GTR 3;
  • Manuale di istruzioni multilingua (presente la lingua italiana);
  • Basetta di ricarica magnetica con attacco USB (compatibile con tutti gli smartwatch della serie 3 di Amazfit).

Amazfit GTR 3 non si distacca molto dal modello dello scorso anno, almeno dal punto di vista della costruzione e dell’estetica in generale, proponendosi con un corpo realizzato in lega di alluminio di tipo aereonautico, per quel che riguarda il frame laterale, mentre sul posteriore il materiale impiegato è policarbonato, in cui trovano sede i pin magnetici per la ricarica ed il nuovo sensore Bio Tracker 3, che di base si compone di 6 fotodiodi e 2 LED.

Amazfit gtr 3

Quadrante di forma circolare che si ispira agli orologi classici, offrendo però una modernità grazie all’impiego di un display touch da 1,39 pollici AMOLED Ultra HD, 454 x 454 pixel e 326 PPI, in grado di riprodurre animazioni a 60 fps. Considerando la tecnologia impiegata, i colori sono decisamente brillanti ed i neri assoluti, ma soprattutto la luminosità di picco è in grado di arrivare fino a 1000 nits, offrendo quindi una leggibilità delle informazioni a display, ottima anche sotto luce diretta del sole. Peraltro è presente un sensore di luminosità automatica, che funziona alla perfezione, adattandosi rapidamente ai cambi di illuminazione ambientale.

Non abbiamo una ghiera fisica, ma sono presenti le tacche dell’ora, che creano un’immersività col display, il quale occupa un 66% di rapporto screen-to-body-ratio. Il touch è sempre risultato fluido e mai scattoso, ma qualora avessimo mani bagnate o semplicemente sporche, possiamo navigare nei menù attraverso i due pulsanti fisici posizionati sul fianco destro dell’orologio. Il pulsante superiore peraltro è una vera e propria corona di navigazione con tanto di feedback aptico.

Amazfit gtr 3

Tenendo premuto il pulsante superiore, possiamo accedere ad alcune funzioni rapide selezionabili dalle impostazioni, ma di base la funziona associata è il richiamo dell’assistente Alexa. Premendo invece rapidamente il pulsante superiore entriamo nel menù dell’Amafit GTR 3 mentre premendo il pulsante inferiore, entriamo nella sezione degli sport monitorabili, funzione anch’essa che può essere variata direttamente dalle impostazioni dell’orologio.

Con dimensioni pari a 45.8 x 45.8 x 10.8 mm ed un peso di 32 grammi, l’Amazfit GTR 3 risulta comodo da indossare e per nulla fastidioso anche nelle condizioni più spericolate, grazie all’ottimo lavoro che l’azienda ha svolto nella realizzazione del cinturino in fluoroelastomero, con sgancio rapido e passo da 22 mm, permettendo quindi una rapida e facile sostituzione coi tanti modelli disponibili in rete, ottenendo un proprio outfit da combinare con le oltre 100 Watchfaces disponibili gratuitamente sullo store Zepp, peraltro alcune configurabili nelle info da visualizzare, oppure con una propria foto.

Amazfit gtr 3

Dimenticavo di dirvi che il display vanta anche la funzione di Always On Display, che può seguire anche lo sfondo della watchface riprodotta, ma soprattutto rispetto la generazione passata, la visibilità è buona anche sotto luce diretta oltre che rimanere attiva nella fase di monitoraggio sportivo.

Amazfit gtr 3

A rinnovarsi e migliorarsi, su Amazfit GTR 3, sono soprattutto i sensori e gli algoritmi impiegati, come il già citato Bio Tracker 3, il quale mi ha deliziosamente stupito per la precisione ed affidabilità dei dati raccolti in ambito di salute e sport. Possiamo addirittura tracciare più parametri contemporaneamente con un semplice tocco, ottenendo risultati su frequenza cardiaca con preziosi alert su frequenza bassa/alta oppure di zona per ottimizzare gli allenamenti, ma anche SpO2, Stress e Respirazione, valori monitorabili H24.

Amazfit gtr 3

Non manca poi di certo il monitor del sonno, anch’esso migliorato ed in grado di restituire tracciati su respirazione, frequenza cardiaca e fasi del sonno, come leggero, profondo, REM, pisolini quotidiani e naturalmente riconoscere se di notte vi siete alzati ma anche individuare eventuali difficoltà respiratorie. Inoltre la frequenza cardiaca è possibile monitorarla anche mentre si nuota, considerando una certificazione di resistenza fino a 5 ATM.

AMAZFIT GTR 3
149,90€
Amazfit GTR 3  – Aggressivo nel prezzo e super funzionale

Amazfit GTR 3 peraltro è in grado di riconoscere automaticamente diversi sport ed a completare l’ottima esperienza sportiva, ci pensano i 5 diversi sistemi di navigazione GPS con fix del segnale in tempi record ed il sensore altimetro barometrico per altitudine e pressione dell’aria, mentre l’algoritmo TrainingSense si occupa di elaborare i dati in maniera professionale, offrendo un vero quadro sportivo dell’attività monitorata.

Amazfit gtr 3

Gli sport che Amazfit GTR 3 può monitorare sono circa 150, offrendo per la maggior parte dati completi che si compongono anche di valori come il VO2MAX, tempo di recupero e di carico ed effetto d’allenamento. Va specificato però che molti dei 150 sport non usano metriche dedicate, ma permettono a noi di differenziare in maniera certosina l’attività che abbiamo svolto, potendo monitorare anche gli eSport, i giochi da tavolo, il parkour ma anche la guda dell’auto, tenendo sotto controllo soprattutto i livelli di stress.

Amazfit gtr 3

Ad ogni modo la precisione ed affidabilità dei dati monitorati è una costante in tutti gli sport che poi contribuiscono ad alimentare il valore PAI (Personal Activity Intelligence) con il quale si potrà tenere sotto controllo i nostri livelli di allenamento settimanali, dandoci dei veri e propri voti alla fine della settimana.

Manca purtroppo il sensore NFC, che avrebbe fatto la grande differenza rispetto i competitor del settore, ma su GTR 3 manca anche uno speaker, pertanto non si potranno effettuare o ricevere chiamate né tantomeno gestire la musica dall’orologio ma solamente quella proveniente dallo smartphone. Presente invece il microfono che ci permetterà di richiamare l’assistente vocale Alexa, previa connessione con lo smartphone tramite il Bluetooth 5.1 integrato, che in tutta onestà si è rivelato utile in alcune situazioni ma soprattutto ho apprezzato che già nativamente è supportato in italiano.

Amazfit gtr 3

Amazfit GTR 3 offre anche 2.3 GB di memoria interna che serviranno ad ospitare ulteriori applicazioni scaricabili dallo store Zepp, anche se al momento sono poche quelle presenti, ma alcune interessanti come il calcolo del valore BMI oppure quella relativa al test per daltonici, ma anche il remind del bere acqua etc..

Preciso che per quanto i dati raccolti dall’Amazfit GTR 3 siano piuttosto accurati, qualora vogliate abbinare una fascia toracica, dovete abbandonare l’idea poiché l’orologio non offre il protocollo ANT+, ma se siete delle “donzelle” sappiate che lo smartwatch del brand permette anche di tenere sotto controllo il ciclo mestruale.

AMAZFIT GTR 3
149,90€
Amazfit GTR 3  – Aggressivo nel prezzo e super funzionale

La batteria dell’Amazfit GTR 3 è un’unità da 450 mAh, che a detta del produttore è in gradi di garantire fino a 21 giorni di utilizzo, ma la realtà è che se non badate a “spese”, sfruttando tutto quello che il device ha da offrire, arriverete a 3/4 giorni scarsi ma con i giusti settaggi potete arrivare tranquillamente a 7/10 giorni di utilizzo senza troppi compromessi.

Quello su cui si è parlato tanti prima del lancio ufficiale della nuova serie di smartwatch Amazfit è stato il nuovo sistema operativo ZeppOS, il quale si snellisce nel peso del software ma si arricchisce di funzioni, come appunto la possibilità di installare ulteriori app. Essendo ancora la prima versione, anche le app presenti sullo store sono al momento poche ma confidiamo in un ampliamento nel corso dei mesi che verranno.

Ad ogni modo ZeppOS si è comportato in maniera ottimale, con fluidità del sistema ed assenza di incertezze nella realizzazione dei compiti. Purtroppo il brand ha investito poco nel tema notifiche, che su Amazfit GTR 3 possono essere ricevute da tutte le app presenti sullo smartphone, ma che possiamo solo leggere e quindi non rispondere, peraltro senza una piena compatibilità con le emoji, ma solo con alcune. Buono però il fatto che queste siano sempre sincronizzate, quindi leggendole dall’orologio o dallo smartphone, queste scompaiono dall’uno o l’altro device.

Il resto delle funzioni offerte dall’Amafit GTR 3 si compone della possibilità di visualizzare il meteo, gestire le sveglie direttamente dall’orologio, calendario, valori di alba e tramonto, bussola, relax respiratorio, cronometro e timer, funzione trova telefono, orologio universale, elenco compiti da svolgere, pomodoro timer e controllo della fotocamera dello smartphone.

Infine presenti le modalità Non Disturbare anche di tipo smart, modalità teatro e torcia mentre dalle impostazioni possiamo personalizzare tutta l’esperienza utente con il nostro GTR 3.

AMAZFIT GTR 3
149,90€
Amazfit GTR 3  – Aggressivo nel prezzo e super funzionale

CONCLUSIONI

Insomma GTR 3 è uno smartwatch completo e funzionale, migliorato rispetto al passato inserendosi nella fascia, quella più ricercata, di dispositivi economici con funzioni premium. Il suo costo è di 149,90 euro, equilibrato e giusto per chi non necessita delle funzioni di chiamata telefonica e gestione della musica dall’orologio, presenti invece su GTR 3 PRO. Device che col tempo potrebbe anche migliorare, in quanto Amazfit è un brand che costantemente rilascia aggiornamenti e quindi se siete per fare il passo di abbandonare il wearable da pochi euro e indossare al polso uno smartwatch/sportwatch più professionale (ma non troppo), Amazfit GTR 3 è senza dubbio una delle scelte migliori che potreste effettuare.

8.6 Punteggio totale
AMAZFIT GTR 3

Amazfit GTR 3 è uno smartwatch con tante funzioni tipiche di uno sportwatch. Metriche dedicate a parte, gli algoritmi di monitoraggio sono risultati affidabili e professionali. Un GPS indipendente dallo smartphone completa il quadro sportivo dell'orologio, che di suo offre un design superbo. Manca la possibilità di chiamare ed ascoltare musica dal polso, ma per quello c'è il fratello maggiore GTR 3 PRO.

CONFEZIONE
8.2
DESIGN E MATERIALI
9.2
HARDWARE
8.2
DISPLAY
9
SOFTWARE
8.8
BATTERIA
6.5
INDOSSABILITA'
8.9
ESPERIENZA UTENTE
9.3
AFFIDABILITA' DATI RACCOLTI
9.3
PREZZO
8.7
PROS
  • SISTEMA OPERATIVO FLUIDO
  • CINTURINO SOSTITUIBILE
  • DISPLAY SEMPRE VISIBILE
  • PRECISIONE DATI MONITORATI
  • CERTIFICAZIONE 5 ATM
CONS
  • ASSENZA NFC
  • NOTIFICHE POCO "SMART"
  • ASSENZA SPEAKER
  • MANCANZA DI COLLEGAMENTO CON CUFFIE BLUETOOTH
Add your review
Emanuele Iafulla

Emanuele Iafulla

Nerd, Geek, Netizen, termini che non mi appartengono. Semplicemente me stesso, amante della tecnologia e provocatorio come Xiaomi fa con i suoi prodotti. Alta qualità a prezzi onesti, una vera provocazione per gli altri brand più blasonati.

Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
XiaomiToday.it
Logo